Trapizzino

Trapizzino è un modo innovativo di apprezzare con gusto la tradizione di ricette tramandate dalle nostre nonne o dalla nostra famiglia, elaborate con passione inalterata, con il ricordo ancora fresco di quando ci alzavamo la mattina e sentivamo il profumo del sugo che bolliva già da ore in pentola, quando di nascosto ci intingevamo la rosetta (rigorosamente del giorno prima) col rischio di prenderci pure una bacchettata sulle mani.

Trapizzino è un prodotto che nasce dall’amore per la pizza e per la buona cucina. 

 

Ogni Trapizzino deve essere portatore di 5 valori, 5 segreti che rendono ogni pezzo un autentico Trapizzino:

1- LA PIZZA

La pizza bianca è la base di Trapizzino, l’elemento che rimane costante al variare dei gusti e che, con la sua consistenza caratteristica e la sua forma triangolare, contraddistingue il prodotto rendendolo unico. La Consistenza: morbida dentro, croccante fuori.

2 – IL LIEVITO MADRE

Il gusto e la digeribilità che contraddistinguono la pizza di Trapizzino  sono garantiti dal lievito madre,  un ingrediente segreto custodito gelosamente e mantenuto vivo grazie ad una cura quotidiana.  Il lievito madre è infatti una sostanza viva, che deve essere accudita e nutrita ogni giorno con acqua e farina. Il lievito madre utilizzato per Trapizzino risale alla tradizione panificatoria del sud Italia e viene tramandato di generazione in generazione da oltre cento anni.

3 – LE RICETTE

Le ricette che compongono i ripieni di Trapizzino sono frutto di una lunga ricerca che tiene insieme la tradizione familiare, il costante confronto con gli addetti ai lavori, i racconti di nonne e zie,  la scoperta di ingredienti segreti e metodi personali.  L’intenzione  di  proporre la  migliore  cucina romana ha  portato a compiere un’approfondita indagine sul territorio.

4 – IL TEMPO

Se consideriamo  che per fare dieci trapizzini ci vogliono due giorni è facile capire perché per Trapizzino il tempo è un ingrediente.
Non a caso, si dice che il panettiere  debba essere un tipo calmo.
Del resto, la  cucina tradizionale è  caratterizzata  dai tempi  lunghi:  l’attesa dell’impasto, le fasi di lievitazione, la cottura delle carni in umido, tanto per fare qualche esempio.

5 – LA PASSIONE E LA CURA

Stefano Callegari e Paul Pansera vivono la cucina e i suoi profumi da quando portavano i pantaloni corti e hanno una gran voglia di trasmettere la loro passione viscerale a chiunque sia interessato.